Google+

I rischi dell’alimentazione durante l’estate

Post

Uno degli aspetti più belli dell’estate è l’abbandono dei fornelli in cucina, per dedicarsi a insalate fresche, capresi e carpacci di carne o pesce, sorbetti, gelati e macedonie.
Sarà proprio per questo che in estate aumentano i rischi di intossicazione alimentare causati da batteri che proliferano proprio nella carne cruda e nelle verdure se non vengono trattati con la dovuta cautela.

Infatti i cibi cotti sono più sicuri dal momento che le temperature alte necessarie per la cottura, uccidono i batteri che possono essere dannosi per la salute degli esseri umani. Anche se è evidente una maggiore attenzione nel nostro paese per la sicurezza alimentare, ci sono ancora molti batteri insidiosi che possono colpire la salute e causare dei grandi fastidi.

Il livello di attenzione deve essere sempre alto, sia per quanto riguarda la corretta conservazione degli alimenti freschi, per l’alimentazione quotidiana in casa propria, ma soprattutto bisogna alzare il livello di attenzione quando si consumano alimenti fuori casa, perchè è molto complicato riuscire a individuare la provenienza e la corretta conservazione.

Molte epidemie alimentari ad esempio, sono causate da prodotti che contengono uova, ma anche pesce e formaggi. Infezioni come la Salmonella e la Escherichia Coli legate al consumo di alimenti infetti sono diminuite, ma sono ancora molto presenti e causano molti fastidi alla salute dell’uomo. Dunque sarà bene accertarsi con cura sulla provenienza e sulla freschezza degli alimenti, ma altrettanto importante sarà sincerarsi di conservare al meglio gli alimenti per mantenerne la freschezza e la genuinità, anche nel proprio frigo.