Google+

La depurazione delle acque e il problema dell’inquinamento

Post

  |   Analisi acqua

Il problema della depurazione delle acque è un tema ricorrente nel nostro paese proprio perché è, in alcuni casi, molto grave nella sua estensione e nei suoi numeri. L’analisi e il monitoraggio che viene svolto sulla qualità delle acque superficiali, cioè dei mari e dei fiumi, ha mostrato come persista, anche dopo numerosi interventi legislativi, una situazione ambivalente, fatta di casi di eccellenza e casi di grande inadeguatezza.
I dati che ci vengono forniti da Legambiente, ma anche dal Ministero dell’Ambiente, ci delineano una situazione dei nostri mari e dei nostri fiumi in cui il problema della depurazione delle acque acquista contorni di grande complessità ed urgenza.

Dalle informazioni emerse dal monitoraggio portato avanti da Goletta Vedere di Legambiente si comprende subito come le coste italiane siano inquinate molto dalle sostanza che arrivano dai fiumi, soprattutto a causa dei paesi dell’entroterra. Dal punto di vista legislativo è il Decreto 152 del 2006, artt.100-108 sulla tutela dell’acqua e la disciplina del trattamento delle acque reflue che stabilisce le modalità per risolvere il problema della depurazione degli scarichi dalle acque che arrivano nei fiumi e poi nei mari.

Purtroppo la situazione non sembra essere migliorata molto. A fronte di una maggiore qualità dei nostri mari, la qualità delle acque dei fiumi è peggiorata, portando ad un peggioramento ulteriore delle condizioni d’inquinamento delle foci dei fiumi. Dall’analisi di Legambiente risulta che alcuni centri, soprattutto costieri si sono muniti di depuratori adeguati, che addirittura riescono a reggere l’impatto dei turisti nel periodo estivo. Diversamente accade per i comuni dell’entroterra che sono coloro che depurano meno e peggio, inquinando il fiume che poi arriva al mare.
La risoluzione del problema dell’inquinamento delle acque deve essere risolta al più presto per consentire un miglioramento della qualità dell’acqua ma, soprattutto, per evitare casi di infezioni o malattie per coloro che entrano, magari inconsapevolmente, in contatto con queste acque inquinate e non depurate correttamente.